STRATEGIA BRILLANTE TRA I VIZI CAPITALI

                                                                                                   


                                                                                                   
Molti anni fa dissi ad un mio amico: “Cosa rende una strada la giusta via?”. Lui mi guardò e mi disse“un’ottima domanda!” esclamò mentre mi ragalava una caramella. Poi in una lunga pausa di silenzio, mi guardo dritto negli occhi e mi sussurrò ad un orecchio: “la giusta via la costruisci mentre la inventi tra le tue credenze”. Da allora non scordai più quelle parole…grazie tu che mi guardì da lassù!
Strategia è il cardine intorno al quale deve ruotare il Marketing, in modo da poter determinare il successo di un’azienda secondo una pianificazione accurata degli obiettivi. La strategia suscita un forte interesse tra le classi di professionisti del mondo odierno. Ciò si deve ad una profonda trasformazione dell’ambiente economico e all’aumento dell’asimmetria informativa rispetto alla realtà. Il nuovo contesto economico è basato essenzialmente sulla conoscenza, intesa come un processo che mette in relazione più attori del mercato, e sempre meno sul flusso mercantile. Nell’impostazione della strategia di marketing l’impresa deve affrontare gli step in grado di offrire risposte relative al suo posizionamento sul mercato, ai bisogni della propria clientela e di quantificarne i benefici attraverso la fissazione degli obiettivi economici-finanziari e dei correlati obiettivi di marketing.
Oggi si tende ad orientare le imprese verso varie opportunità possibili secondo una metodologia rivolta al medio-lungo periodo, che possa permettere all’impresa una crescita in termini di struttura e di reddito. Costruire la giusta strategia è un processo delicato, in parte intuitivo, che si costruisce e applica solo con l’esperienza e con l’esempio. Sarebbe troppo facile se l’arte difficile e sottile della strategia si potesse insegnare in un manuale. Formulare un concetto di  strategia non può essere analizzato facilmente dai dati di mercato, e procedere verso deduzioni che saranno utilizzate per creare e posizionare la strategia più coerente al caso esaminato. Non è così, se non si vuole arrivare a soluzioni banali. Gli apporti e gli stimoli, dati nei confronti di una strategia, si intersecano tra di loro per dare vita ad una sintesi nuova. Ogni operatore nel campo strategico deve cercare la soluzione al problema da varie intuizioni, che daranno luogo alla nascita di una strategia, coerente al caso e duratura nel tempo. Fondamentale è la precisione con cui si sviluppa una strategia, in modo tale che risulti brillante l’esecuzione in un contesto innovativo. La strategia non è un regolamento, ma è piuttosto il tema unificatore che indirizza e rende coerenti le decisioni adottate da un’organizzazione o da una persona.
L’unico modo per apprendere è sperimentare.
L’obiettivo della strategia è di affermarsi sugli avversari.
La strategia, in senso stretto, è l’insieme delle azioni che un’impresa vuole svolgere o ha già svolto, in relazione ai soggetti o sistemi operanti nell’impresa.
«Una strategia mal scelta può essere “mascherata” da un’esecuzione brillante, ma solo temporaneamente. Più spesso, un’esecuzione brillante di una strategia debole agisce come il motore di un aeroplano in caduta – accelera il disastro».Jennifer Stewart, “A Blueprint for Strategy Makers”, 1984.
La strategia è lo schema generale che consente di finalizzare l’utilizzo di risorse alla determinazione di una posizione di vantaggio. La tattica è uno schema di un’azione specifica. Essa include lezioni necessarie a vincere battaglie, la strategia è finalizzata a vincere la guerra. I principi della guerra possono essere sintetizzati in una sola parola: “concentrazione di forze contro debolezza”. Le esperienze gestionali acquisite nel settore militare hanno avuto un ruolo determinante per l’implementazione della strategia nell’azienda, infatti, la gerarchia e la specializzazione delle funzioni, derivano dall’organizzazione dell’esercito moderno.
«La strategia senza tattica è la strada più lenta alla vittoria. La tattica senza strategia è il rumore che precede la sconfitta».
Sun Zu, “L’arte della guerra”, III secolo A.C.
Il ruolo principale della strategia è di far coincidere la competenza dell’impresa con le opportunità offerte dall’ambiente esterno per confrontarsi continuamente con l’ambiente che la circonda, così da adattarsi ai possibili cambiamenti previsti. Il problema è l’analisi dell’ambiente o dei clienti, che può rispettivamente mutare o cambiare di identità orientando l’impresa sulle risorse e competenze interne, in quanto non più stabile di una strategia di lungo periodo basata su fattori esterni.
Il livello strategico può fondarsi su obiettivi molteplici, anche se risulta necessario focalizzare l’attenzione su un obiettivo primario. 
Un’impresa per essere competitiva deve ottenere, in un determinato periodo, un profitto.Quindi l’individuazione di un’ obiettivo strategico non implica la massimizzazione del profitto, non di aiuto per formulare  strategie, ma utile come parametro di vincolo nel lungo periodo.
Massimizzare il profitto aziendale significa aumentare il valore attuale dell’impresa  e cioè la somma dei flussi di cassa netti futuri dell’impresa in ogni periodo, attualizzata al costo del capitale per l’azienda.
L’impresa deve collocarsi in un settore che possa offrirle condizioni favorevoli per ottenere una redditività superiore agli altri settori o acquisire vantaggi competitivi maggiori rispetto a concorrenti che operano nello stesso settore.
La strategia deve essere coerente, compatibile con gli obiettivi e i valori dell’impresa: vi sono tre aspetti della coerenza strategica:
·      Coerenza con gli obiettivi e con i valori. L’obiettivo primario inteso come massimizzazione della redditività nel lungo periodo, non contribuisce a chiarire il tipo di strategia che deve essere perseguita. Il profitto sebbene essenziale per la sopravvivenza, non è mai un motivo ispiratore. È necessaria la coerenza con gli obiettivi e con i valori. Questi ultimi valori permettono di ottenere rendimenti straordinari da persone che in altre circostanze sono ordinarie.
·      Coerenza con l’ambiente settoriale. Necessità di una strategia che sfrutti l’opportunità di vantaggio competitivo offerto da settore. Una strategia per essere coerente con il settore d’attività è necessario che si adatti o meglio che anticipi i cambiamenti che avvengono all’interno dell’ambiente stesso.
·      Coerenza con l’organizzazione e con i sistemi di gestione. Perché l’implementazione di una strategia risulti efficace è inoltre necessario che sia accompagnata da una struttura organizzativa e da sistemi di gestione adeguati. La strategia deve essere dotata di una sua coerenza intrinseca. Il sogno di ogni uomo per la produzione è una fabbrica che lavori sempre a pieno ritmo e produca un solo prodotto che non richieda cambiamenti. Ogni venditore vorrebbe poter rispondere in modo tempestivo a qualsiasi richiesta dei suoi clienti .
La formulazione di una strategia permette di capire in che modo saranno realizzati gli obiettivi, una volta scelta la soluzione migliore tra tutte le previste. La strategia è un concetto nuovo tra le problematiche dell’impresa, e non deve essere confuso con il concetto di obiettivo.  Gli obiettivi dipendono essenzialmente dall’individuo che li genera e dal grado di efficienza che struttura il processo decisionale.
Un obiettivo è in continua mutazione nel tempo e diverso da persona a persona. Una strategia, invece, acquisisce una posizione dinamica nell’ambiente di cui fa parte, in modo da poter realizzare la propria finalità.

Tutte le decisioni strategiche sono improntate su problemi di strategia e di obiettivo, e tra le tante strategie possibili, l’impresa sceglierà quella che si presta meglio alla realizzazione di una finalità, intesa come l’essere e l’agire di un organismo. Una strategia permette di pensare a  molti obiettivi, che possano dirigere l’azienda, verso una finalità omogenea con l’obiettivo. L’obiettivo aziendale permette di accelerare i tempi di attuazione di una finalità, quale la realizzazione di un profitto. Questo è ottenuto grazie al conseguimento di un obiettivo collegato alla finalità, e mediato da una strategia.

  

Seguimi su facebook: una pagina fan “DIEGO CANALI” dedicata al mondo business! Clicca su “MI PIACE” e avrai diritto ad una consulenza o consigli utili in ambito aziendale o personale scrivendo una mail a :

DIEGO@DIEGOCANALI.COM

TI ASPETTO!!!

Cari saluti
Diego
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...