IL TUO BUSINESS TI HA RESO SCHIAVO?

scegliereLa maggior parte di noi ama riconoscersi in una famiglia, in un clan, in una categoria professionale, in un nucleo sportivo o politico: siamo animali sociali e come tali ci sviluppiamo in rapporto al gruppo del quale facciamo parte. E’ il gruppo ad imporci le regole del gioco: le norme, le gerarchie e i valori, che accettiamo (oppure che mettiamo in discussione) sono quelli del gruppo all’interno del quale riconosciamo i nostri, mentre definiamo “gli altri”, quelli che al contrario non ne fanno parte. Che vogliamo o no, abbiamo gli stessi bisogni e subiamo le stesse pressioni degli altri componenti del gruppo e se, all’interno di questo, vogliamo farci degli amici, dobbiamo anche partecipare attivamente alle sue attività.

L’apprezzamento si manifesta sotto moltissime forme che vanno dalle parole e i gesti affabili alle carezze, i regali, le telefonate e le piccole attenzioni: l’apprezzamento è un elemento indispensabile di tutte le relazioni. Le manifestazioni di stima non possono, però, essere meccaniche: in questa delicata materia che ci sta tanto a cuore, siamo tutti in grado di distinguere un gesto sincero da uno forzato. Mentre, sforzarsi di manifestare apprezzamento per cose che ci disapprovano non è necessario né utile: basta semplicemente lasciare apparire l’ammirazione o la riconoscenza che si sentono sinceramente. Si tratta di indursi a dire quello che per timidezza o per paura (o per aggressività o cattive abitudini) si ha l’abitudine a tenere per se.

Ma come puoi entrare a far parte di un gruppo in un’azienda?

Entrare in un’azienda non è mai facile: i ruoli di leadership sono mal definiti, l’architettura organizzativa è praticamente sconosciuta e gli aspetti politici sono ancora più complessi del solito. Ma queste transizioni stanno diventando sempre più comuni; per l’incapacità di costruire bacini interni di talento e per l’onnipresente necessità di conseguire una crescita globale, sempre più imprese ricercano dirigenti all’esterno per poi tentare di “integrarli” in qualche modo. Di conseguenza, le aziende che hanno speso e spendono tempo e denaro in quantità per identificare e assumere manager di talento non possono consentire che questi nuovi manager diano una performance inadeguata o, peggio, che gettino la spugna e decidano di andarsene prima di aver potuto incidere sui risultati. È qui che entra in gioco l’inserimento efficace. Se i nuovi manager vengono accolti in un ambiente favorevole, che li incoraggia a realizzare le loro aspirazioni personali e quelle dell’organizzazione, diverranno produttivi in tempi molto più brevi e saranno più inclini a trattenersi per un periodo significativo. Anche se oggi la sfida dell’ingresso in una nuova azienda riceve più attenzione, in quanto risulta sempre più difficile assumere talenti per ogni ruolo aziendale che dedicano il loro tempo per il bene comune dell’impresa. Se vuoi far parte di un’impresa devi avere passione, problem solving, organizzazione, intraprendenza, spirito di sacrifico, volontà e determinazione. A volte capita che per alcuni tutto è dovuto ed è più facile incolpare il sistema che loro stessi per la loro inefficienza.

static1.squarespace.comSe vuoi una cosa devi crederci a tal punto da non rinunciarci mai!

Notare altresì che la sfida dell’entrata in una nuova organizzazione non riguarda solo i casi in cui i nuovi manager passano da un’impresa all’altra, ma anche il caso in cui il manager transiti da un business unit all’altra nell’ambito della stessa azienda. In media il passaggio da una divisione all’altra della stessa azienda si considera problematica quanto l’ingresso in una nuova azienda. La ragione principale di questo fenomeno è che le divisioni della stessa società hanno spesso sottoculture molto diverse, per effetto di acquisizioni affrettate o dell’attività specifica di una determinata business unit.

Se vuoi far parte di un gruppo aziendale devi fare delle scelte che ti portano a credere nelle tue aspirazioni e desideri. Altrimenti è inutile lamentarsi della situazione che stai vivendo senza far niente per cambiare. Al confine delle scelte ci sei solo te e ciò che vuoi veramente. Puoi sentirti schiavo del tuo lavoro se non ti piace e passare una vita a lamentarti di questo e di quello! È ciò che vuoi?

La realizzazione personale si ha quando la qualità della tua vita è straordinariamente appagata da scelte concrete che il tuo cammino di vita accoglie con passione. Aspettare a compiere dei passi può portarti ad aspettare ciò che verrà in un tempo indefinito o non verrà mai. Quindi cosa aspetti a prenderti la tua rivincita e essere un professionista di serie A? Se vuoi ora la tua rivincita comincia ad essere un manager bastardo, ovvero colui che non accetta più perdite di tempo, illusioni e compromessi. Da ora compi la tua scelta senza badare a ciò che dice la gente e soprattutto segui i tuoi sogni, perchè tra un pò di anni potrebbe essere troppo tardi. Lascia perdere coloro che vogliono farti fare le cose con i piccoli passi! Fare i piccoli passi è un modo per placare eventuali ferite se fallisci trovando una scusa per ogni mancanza. Fai le cose secondo i passi e i tempi che reputi più opportuni!

Vivi di obiettivi attrattivi, che collimano con ciò che vuoi essere!

Sganciati dalla massa, esci dagli schemi, respira, vivi! Le persone più interessanti che conosco sono coloro che non si lamentano mai e non incolpano nessuno, in quanto amano ciò che fanno ammettendo i loro errori equilibrando la loro vita al 100%. Qualsiasi cosa farai nel tuo business e qualsiasi sarà il risultato non ci rinunciare…rinunciare potrebbe in futuro aumentare i tuoi rimorsi e pentimenti! Se potessi scegliere ora cosa cambieresti nel tuo lavoro? Qualsiasi sia la tua scelta vai avanti verso il tuo obiettivo senza fermarti! Se hai una squadra coinvolgila e vivi con loro appassionatamente i successi! Cosa aspetti? Mettiti in cammino!

VUOI LEGGERE L’ARTICOLO COSTRUIRE UNA SQUADRA DI SUCCESSO? CLICCA QUI

Sarò ben lieto di dartei dei consigli sulla tua attività. Scrivimi!!!

tre_frecce_rosse_animate

Cliccando su INVIA si autorizza il consenso alla privacy:

Ho letto l’infomativa alla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell´art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n. 196. I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003. Potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Annunci

Un pensiero su “IL TUO BUSINESS TI HA RESO SCHIAVO?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...