LA TRUFFA DELL’OLIO D’OLIVA: SE L’80% É FALSO, PERCHÉ CONTINUATE A COMPRARLO?

È stato segnalato che l’80% dell’olio extravergine italiano sul mercato è fraudolento. Alcuni esperti pensano che la percentuale sia esagerata. Altri credono che il problema più grande sia l’olio di oliva di bassa qualità, deliberatamente etichettato come vergine o extra vergine. In ogni caso, è probabile che quando acquisti olio d’oliva, non stai acquistando ciò che dice sull’etichetta . Gangster in cucina. Crimine alimentare. Agromafia. Polizia alimentare d’elite. FBI del cibo. Telecamere nascoste Intercettazioni telefoniche. Manomissione.

LEGGI L’ARTICOLO: VENDERE VINO E OLIO CON L’EMAIL MARKETING

Corruzione, questi sono termini frequentemente ripetuti più e più volte nelle recenti notizie relative all’olio d’oliva. “Gran parte dell’olio extravergine di oliva italiano inondando gli scaffali del mercato mondiale non è né italiano né vergine”, avverte il New York Times. Quindi, a meno che tu non l’abbia comprato direttamente da un produttore o da un distributore certificato, l’olio d’oliva nella tua cucina contrassegnato con “extra vergine italiano” è molto probabilmente un falso.

Un consiglio: chiedi sempre i certificati di analisi, il lotto di produzione e il certificato di rintracciabilità.

O è di bassa qualità falsamente contrassegnato come vergine o extra vergine – e nemmeno Italiano- o è stato mescolato con altri oli di dubbia provenienza. Nel peggiore dei casi, non è affatto olio extra vergine d’oliva, ma un olio vegetale camuffato da colori e aromi. Eppure, l’hai comprato nonostante il fatto che il suo prezzo basso avrebbe dovuto darti una mancia.

Vuoi notizie brutte? I marchi tradizionali e famosi non sono sfuggiti al male: molti oli adulterati di oliva sono venduti e i supermercati ne sono pieni. Anche le etichette recanti l’ambita “Denominazione di Origine Protetta” o il marchio DOP che indica la precisa provenienza geografica di un particolare olio extra vergine d’oliva per garantire la qualità dei prodotti agricoli di quella regione e sottoposti a controlli più rigorosi, non sono sfuggiti alla tendenza illegale. Tuttavia, i governi continuano a consentire l’ingresso e la commercializzazione di tali prodotti. Iniziamo con la rivelazione più recente, relativa alle etichette. In generale, se un’etichetta dice che l’olio vergine o extra vergine proviene da un luogo di origine controllato è ragionevole aspettarsi che il prodotto abbia superato i controlli di qualità richiesti, in particolare quando è destinato all’esportazione. Ma nonostante gli sforzi del governo italiano per fermare quella che è diventata nota come l’ agro-mafia che ora controlla la maggior parte della produzione e del marketing dell’olio d’oliva – così come numerose campagne dei produttori della regione per riconquistare la loro reputazione e ripulire il marchio “made in Italy” – un massiccio scandalo di olio d’oliva è stato scoperto nell’Italia. Coinvolge gli oli d’oliva dalla Siria, dalla Turchia, dal Marocco e dalla Tunisia, imbottigliati e venduti come autentico extravergine italiano ai mercati esteri, in particolare negli Stati Uniti e in Giappone. Questa scoperta è venuta alla luce in una operazione sotto copertura più grande della polizia italiana, soprannominata “Mamma Mia”, che la scorsa settimana ha rivelato un’altra enorme truffa nella stessa regione: migliaia di tonnellate di oli di bassa qualità provenienti dalla Spagna e dalla Grecia sono stati spacciati come extra vergine italiana. E che scandalo seguì un altro collegato ad un’indagine di sette dei più noti produttori di olio d’oliva italiani (tralscio i nomi ma immagina) presumibilmente vendendo olio di oliva falso come extravergine “made in Italia”. Le società hanno negato con forza le accuse..

Non ci sono abbastanza risorse per controllare le oltre 400.000 tonnellate di olio d’oliva che entrano nel paese. Ecco perché, anche dopo gli scandali, le bottiglie di olio di oliva adulterate sono ancora sugli scaffali dei supermercati “. Purtroppo i problemi con gli oli d’oliva falsi siano andati avanti così a lungo che i consumatori si sono abituati ad acquistare oli cattivi a prezzi bassi. “Anche se i consumatori sono imbarazzati ad ammetterlo, stanno supportando la situazione”, dice. “Le catene di negozi continuano a comprare perché vende e tutti sono diventati dipendenti dai bassi prezzi”. Ciò ha gravi ripercussioni sul mercato dell’autentica vergine e dell’olio extra vergine di oliva che, naturalmente, sono più costosi. “Non c’è alcun incentivo per i negozi di alimentari per ottenere le cose buone”, ha aggiunto. La situazione è stata esacerbata da Xylella Fastidiosa , un batterio che uccide gli ulivi – un milione finora in Puglia, il più grande produttore di olio d’oliva – e minaccia di estendersi al resto dell’Italia e ad altri produttori mediterranei. I batteri, aggravati dal maltempo, hanno devastato la raccolta delle olive in Europa e aumentato il prezzo per l’autentico olio d’oliva fino al 20% in tutto il continente senza contre l’incremento delle materie prime del 20/30% nel 2022 (latta, vetro, cartone, etc). Secondo il Financial Times, la produzione mondiale di olio d’oliva è scesa del 26% a 2,4 milioni di tonnellate, dopo che la produzione in Spagna e in Italia era già praticamente dimezzata, secondo il Consiglio oleicolo internazionale .

Di conseguenza, un paese inaspettato ha raccolto benefici: la Tunisia. “I raccolti poveri in Europa hanno coinciso con un raccolto eccezionale in Tunisia, catapultando il paese nordafricano al primo posto di esportatore di olio d’oliva e il secondo più grande produttore dopo la Spagna”. In qualsiasi luogo assaggi o acquisti olio extra vergine di oliva fai bene attenzione a richiedere i certificati di rintracciabilità, certificati di analisi e analisi dei lotti. Nei ristoranti ad esempio è vietato avere le oliere o bottiglie rabboccate di olio in quanto deve esserci il tappo anti-rabbocco per legge..ma in cucina sei sicuro che venga utilizzato olio evo di prima scelta dopo che paghi il menu in modo extra salato? Quando acquisti un olio extra vergine di oliva devi imparare a riconoscerlo.

Ti consiglio di leggere questo mio articolo che ti renderà l’argomento più facile COME RICONOSCERE UN OLIO EXTRA VERGINE D’OLIVA: PRINCIPALI FRODI E COME DIFENDERSI.

Vuoi iniziare a analizzare tutta la tua azienda, ma non sai da dove iniziare?


ACCEDI ALLA RICHIESTA DI CONSULENZA PRIVATA

Cliccando su INVIA si autorizza all’invio di newsletter e il consenso alla privacy: ho letto l’infomativa alla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell´art. 13 D. lgs. 30 giugno 2003, n. 196 e all’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003 e all’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. Potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Fonte informazioni: internet a solo scopo divilgativo. Si riconoscono eventuali diritti e proprietà.

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.